, ,

Sindrome del bambino scosso: cos’è e come evitarla

L’attenzione che dobbiamo rivolgere ai giochi che effettuiamo con i nostri bambini è davvero importante. Ad esempio, il classico gioco che consiste nel gettarlo in aria per poi riprenderlo, non è solo pericoloso, ma può essere anche mortale.

Questo gioco, una pratica molto comune, può provocare lesioni serie, capaci di provocare nel bambino disabilità anche permanenti. La causa che scatena queste lesioni è il movimento violento e deciso del loro corpicino, che può coinvolgere sopratutto la testa.

sindrome-del-bambino-scossoI bambini con un’età inferiore ai 12 mesi sono particolarmente vulnerabili a questo tipo di lesioni. Il cervello è molto fragile, i muscoli del collo ancora non forti, e questi movimenti bruschi della testa, che il bambino stesso non può controllare, portano il cervello a sbattere contro le pareti del cranio.
Ciò provoca danni ai vasi sanguigni, e addirittura un accumulo di sangue nella testa: entrambi problemi che possono portare a danni irreparabili, anche alla morte.

Lesioni e disabilità della sindrome del bambino scosso: cecità, paralisi cerebrale, difficoltà i parola o di apprendimento, perdita dell’udito, danni cerebrali, convulsioni, lesioni al midollo osseo, attacchi epilettici, disabilità motorie gravi, morte.

Un gioco che potrebbe sembrare innocente e divertente, in realtà sottopone il bambino a rischi davvero gravi.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *