, ,

Rimedi naturali pipì a letto

Rimedi naturali pipì a letto

Il fare pipì a letto (detta anche enuresi) è un atto involontario che avviene normalmente durante il sonno. Conosciuto anche come incontinenza urinaria o enuresi notturna. Di seguito consigliamo una serie di rimedi naturali per la pipì a letto, e accorgimenti su come evitare questo fenomeno diffuso soprattutto fra i bambini.

  • Un’ora prima di andare a dormire, bere 200 ml di succo di mirtillo.
  • Prima di andare a dormire, mangiare due cucchiaiate di noci e una di uva passa.
  • Bere te a base di erbe.
  • Praticare esercizi fisici per il controllo dell’urina, posponendo l’urina per qualche minuto, e via via incrementando il tempo di attesa. Aiuta a rafforzare i muscoli che controllano l’urina e ampliare la capienza della vescica.
  • Evitare di bere liquidi prima di andare a dormire, e assicurarsi che la vescica sia vuota.

Sintomi e cause dell’enuresi

Il sintomo principale è quello di fare pipì a letto involontariamente mentre si dorme. Tuttavia, altri sintomi della malattia potrebbero essere:

  • I bambini fra i 6 e i 7 anni difficilmente passano una notte “secca”
  • Farsi pipì addosso durante il giorno
  • Movimenti incontrollati dell’intestino provocano “macchie” involontarie
  • Pipì scura
  • Sensazione di bruciore al fare pipì

Il fare pipì a letto dei bambini può essere relazionato all’immaturità del sistema nervoso: il bambino non è capace di percepire che la sua vescica è piena.

  • A volte succede che la vescica è molto piccola, e non riesce a contenere tutta l’urina generata durante la notte.
  • Alcune condizioni mediche, come infezioni al tratto urinario, stitichezza, diabete, anemia o epilessia possono condurre a questa malattia.
  • Fattori ormonali: quando si ha una quantità inadeguata di ormone antidiuretico. Questo ormone riduce la quantità di pipì prodotta dai bambini.
  • Anomalie nel midollo spinale.
  • Fattori genetici.
  • Sonno profondo.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *