, ,

Mal di testa da cervicale: perché vengono e come bloccarli

I mal di testa da cervicale possono essere provocati da lesioni al collo, spesso a causa di disfunzioni articolari o muscolari, una cattiva postura, stress emotivo o una combinazione di vari fattori. Questi mal di testa possono essere curati e prevenuti con successo grazie alla fisioterapia.

I mal di testa da cervicale sono quelli scatenati da anomalie nella regione cervicale (collo e testa), le cui cause sono state descritte sopra, e possono presentarsi in varie forme:

mal di testa da cervicaleDolore e tensione nel collo; dolore e pressione sulla fronte e sulla parte posteriore della testa; tensione nella zona del tempio e della mascella; dolore che peggiora con posture ripetute e muovendo il collo; mal di testa con sensazione di vertigini; dolore intenso su un solo lato della testa.

Il dolore può durare pochi giorni, ma nei casi più gravi può arrivare a durare anche settimane, e addirittura mesi. Rigidità del collo, vertigini, ronzio nelle orecchie e incapacità di concentrazione sono altri sintomi del mal di testa da cervicale.

La gestione del mal di testa da cervicale con fisioterapia richiede una valutazione prima del trattamento di tutte le anomalie riscontrate nelle articolazioni, nei muscoli e nelle strutture neurali. Inoltre, richiede una rieducazione sulle posture, sopratutto al lavoro.

Valutazione posturale: migliorare la postura del tronco e riadattarlo alla nuova (e corretta) postura è vitale. Senza ciò, i dolori cervicali possono persistere e peggiorare.

Mobilizzazione: la rigidità delle articolazioni della mandibola può portare molti problemi, per questo spesso si ricorre ad esercizi di mobilizzazione.

Allungamento: sopratutto quello dei muscoli del collo e delle spalle, può aiutare ad alleviare i mal di testa.

Rinforzamento: una serie di allenamenti muscolari cervicali è importantissima. Il tuo fisioterapista ti mostrerà come allenare i muscoli del collo per ristabilirne l’equilibrio.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *