,

Dimissioni protette dagli ospedali

Cosa sono

Le dimissioni protette dagli ospedali sono un servizio del Comune di Roma e delle Aziende ASL, che ha l’obiettivo di organizzare interventi integrati, sociali e sanitari, nel delicato momento delle dimissioni dall’ospedale delle persone anziane.

Gestiscono il periodo della convalescenza e coprono il tempo necessario per organizzare l’assistenza in forma stabile, se necessita.

Si prevedono interventi temporanei di assistenza domiciliare sociale e sanitaria e il coordinamento tra ospedale, medico di famiglia e servizi territoriali, la fornitura di farmaci e il rientro con l’ambulanza fornita dall’ospedale, ove possibile.

 

Destinatari

Tutti gli anziani, ricoverati nei reparti ospedalieri e nelle strutture di riabilitazione, che, al momento delle dimissioni, non siano in grado di organizzare in modo autonomo il rientro al domicilio. Il servizio intende garantire la continuazione delle cure e dell’assistenza indicate nella fase di dimissione ed evitare l’istituzionalizzazione.

 

Dove sono operative

Le dimissioni protette sono operative in tutta Roma.

 

Dove, come e quando presentare le domande

La richiesta di attivazione del servizio di dimissioni protette può essere fatta dal medico del reparto o dal Servizio Sociale dell’ospedale.

Se l’anziano ricoverato non è in grado da solo di chiedere questo servizio, può farne richiesta un suo familiare, un conoscente o un volontario, rivolgendosi al reparto ospedaliero o anche telefonando direttamente al Centro di Assistenza Domiciliare territoriale della ASL (vedi CAD centri di assistenza domiciliare) o al Servizio Sociale del Municipio dove abita l’anziano (vedi Municipi).

L’ospedale chiede l’intervento di un’equipe integrata socio-sanitaria, compila una scheda di segnalazione, almeno una settimana prima delle dimissioni programmate. L’equipe integrata incontra l’anziano in ospedale prima che venga dimesso, per programmare e organizzare gli interventi domiciliari necessari per il suo ritorno a casa.

 

Quanto si paga

Il servizio è temporaneo e gratuito, senza limiti di reddito.

Prevede il passaggio ad altri servizi che potrebbero prevedere una partecipazione economica alle spese (vedi “Quanto si paga” – l’ISEE –).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *