,

Perché bisogna dormire sul lato sinistro del corpo?

Secondo la medicina tradizionale di vari paesi orientali, il lato sinistro del corpo è completamente diverso dal lato destro. Stiamo parlando di culture come quelle indiana, cinese, tibetana e tailandese.

Secondo queste culture, bisogna dormire e riposare sul lato sinistro, in quanto si possono godere di vari benefici per la nostra salute.

Il lato sinistro è dominante nel sistema linfatico:

dormire sul lato sinistroLa maggior parte della linfa drena verso il dotto toracico che abbiamo sul lato sinistro. Durante il suo tragitto trasporta nutrienti, proteine e glucosio, così come i residui purificati dai noduli linfatici. Nella medicina orientale è credenza comune che i dolori sul lato sinistro del corpo sono causati da una congestione cronica del nostro sistema linfatico.

Dopo aver mangiato abbondantemente, la medicina indiana ci suggerisce di riposare sul lato sinistro per meno di 10 minuti. Secondo gli indiani, facendo così si migliora la digestione in quanto stomaco e pancreas sono “appesi” al lato sinistro. Il cibo si muove in modo naturale attraverso lo stomaco e gli enzimi del pancreas vengono secreti gradualmente.

Migliore eliminazione di residui:

L’intestino tenue usa la valvola ileocecale, sita nel lato destro del corpo, per espellere le tossine verso l’intestino crasso, sito a sua volta sul lato destro e, attraversando il ventre, arriva fino al lato sinistro.
Dormendo sul lato sinistro permettiamo che la gravità aiuto ad inviare i residui verso l’intestino crasso in modo naturale.

Migliora la funzione cardiaca:

Circa l’80% del nostro cuore si trova sul lato sinistro del corpo. Se dormi su questo lato, la linfa si sposterà verso il cuore per effetto della gravità. Inoltre, facilita la funzione di pompare sangue attraverso l’aorta, che uscendo dalla parte superiore del cuore passa dal suo lato sinistro prima di scendere verso l’addome.

La milza, parte fondamentale del sistema linfatico, si trova sul lato sinistro del corpo e si occupa di filtrare linfa e sangue. Se dormi sul lato sinistro, il ritorno dei fluidi alla milza sarà più semplice grazie alla gravità.

 

FONTE

,

4 abitudini pericolosissime che commettiamo molto spesso

È davvero una cattiva idea rimuovere la spellatura dopo essersi scottati al sole o tagliare peli del naso? Un noto dottore americano, Mehmet Oz, rivela le conseguenze di quattro abitudini comuni, che di cui scrive nella sua rivista “Dr. Oz The Good Life”.

Ecco cosa ci succede quando:

Andiamo a dormire senza lavare i denti

Durante la notte, la bocca diventa asciutta, ed è proprio in questa condizione che i batteri proliferano. I batteri amano gli ambienti scuri ed umidi, e crescono.

Rimuoviamo la spellatura dopo una scottatura solare

Dopo essersi scottati al sole, la pelle comincia a spellare. La spellatura in realtà ha una sua funzione ben precisa: protegge la pelle che si trova al di sotto. Quando la rimuovi, corri il rischio di “sfregiare” la pelle nuova. Non dimenticare mai di usare la protezione solare per evitare scottature, ma se dovesse accadere, non rimuovere la spellatura.

Tagliamo i peli del naso

Si tratta di un’abitudine diffusa sopratutto fra gli uomini. Si sente spesso parlare del “triangolo della morte”, fra il naso e la bocca. Se rimuovi un pelo in quest’area, potresti perdere del sangue. Il sangue permette ai batteri di proliferare. Le vene del viso non hanno valvole di protezione, quindi i batteri potrebbero teoricamente entrare nel flusso sanguigno e portare le infezioni in tutto il corpo.

Usa forbici con la punta arrotondata per rimuovere i peli, non eradicarli mai.

Beviamo un bicchiere di vino dopo aver preso antibiotici

Se bevi alcol mentre sei sotto cura di antibiotici, le pillole faranno comunque il loro dovere contro i batteri che ci stanno facendo ammalare. Ma mischiare medicinali con alcol può causare effetti collaterali come nausea e vertigini.

 

FONTE

,

Proprietà e benefici degli anacardi

L’anacardo è uno degli alimenti più salutari al mondo. Purtroppo, però, si tende a non conoscere i numerosi benefici che offre. Paesi come Nigeria, Tanzania, Mozambico e Brasile sono i principali produttori di anacardi, ma è possibile acquistarli anche in Italia.

Gli anacardi sono ricchi di vitamine, fibre dietetiche solubili, minerali e tantissime sostanze fitochimiche capaci di prevenire malattie, cancro incluso. Gli anacardi posseggono molte calorie (50 grammi contengono circa 275 calorie).

proprietà-benefici-anacardiCi forniscono numerose vitamine essenziali, come l’acido pantotenico (vitamina B5), pirissodina (vitamina B6), tiamina (B11) e riboflamina.
Ricco anche di minerali essenziali come potassio, magnesio, rame, selenio, manganese, zinco e ferro, ne basta consumare un pugno al giorno per averne le dosi giornaliere corrette e proteggerci da molte malattie.

Acidi grassi monoinsaturi come l’oleico e il palmitoleico si trovano in grandi quantità nell’anacardo, e sono molto positivi per la salute del cuore, in quanto hanno la capacità di ridurre il colesterolo cattivo.

Gli anacardi sono ottimi anche per trattare la depressione. Sono una fonte eccellente di triptofano, un amminoacido essenziale che regola i livelli di serotonina.

Questo composto miracoloso regola il nostro stato d’animo, migliora il sonno ed equilibra il nostro comportamento, diminuendo stress, ansia e depressione.

Così come gli arachidi, anche gli anacardi sono molto allergici. L’allergia agli anacardi è molto diffusa, per questo bisogna fare molta attenzione prima di consumarli.

 

, , , ,

Rimedio a base di cavolo per pulire l’intestino e disintossicare il fegato

Il cavolo è uno degli ortaggi più salutari, in quanto ricco di fibra, vitamina B1, B6, C, U, E, K e molti minerali (magnesio, iodio, ferro, selenio e calcio).

Il cavolo crudo è molto ricco di vitamina U, e contribuisce al rinforzamento delle pareti dello stomaco, oltre a favorire la rigenerazione del tessuto digestivo. Tali capacità lo rendono un ottimo rimedio per prevenire e trattare le ulcere.

rimedio cavoloAltri minerali, come il cloro e lo zolfo, aiutano a combattere le infiammazioni intestinali ed eliminare le tossine dal tratto digestivo. Questo rimedio a base di cavolo abbassa la tensione, diminuisce il colesterolo e protegge il cuore.

Essendo ricco di antiossidanti, come i glucosinolati, il cavolo ci dà la dose di sostanze nutritive sufficiente a rinforzare le difese ed eliminare tutte le tossine accumulate dall’organismo, favorendo salute e funzionamento di intestino e fegato.

Il selenio è uno dei minerali che ci aiutano a combattere dolore ed infiammazione causati dall’artrite.

Per preparare questo rimedio basta versare in una tazza piena d’acqua un cavolo tagliato a pezzi, un cucchiaio di polpa di aloe vera, mezzo cucchiaio di zenzero grattugiato e qualche foglia di menta. Frullare per circa 20 secondi.

 

FONTE

, , , ,

Esercizi per alleviare mal di schiena e dolore alle ginocchia

In questo articolo ti descriveremo alcuni esercizi molto efficaci per alleviare il mal di schiena ed il dolore alle ginocchia. Si tratta di esercizi per rinforzare i piedi, migliorare l’equilibro e quindi alleviare il dolore.

Esercizi delle dita del piede: Così come altre parti del corpo, anche i piedi devono riscaldarsi prima di fare qualsiasi esercizi. Quello che ti descriveremo di seguito è un ottimo esercizio di riscaldamento per i piedi, che ci aiuta anche a rilassarci. Stando in piedi, piega leggermente le ginocchia. Poggia le dita del piede sul pavimento ed effettua una pressione verso il basso per 3 secondi. Rilassa e ripeti per circa 10 volte, 3 volte al giorno.

Camminare in punta di piedi: Non è un esercizio solo per ballerine, camminare in questo modo aiuta a rinforzare i muscoli delle dita del piede e i legamenti della pianta del piede. Cammina in questa posizione per circa 20 secondi, poi riposa per 10 e ripeti 5 volte. Puoi effettuare questo esercizio 2 volte al giorno.

Ruotare le caviglie: La flessibilità e la mobilità delle caviglie sono importantissime: se non sono flessibili o mobili, il corpo cerca di compensare in altro modo, il che si traduce in dolori articolari e muscolari. Mentre cerchi di allungare la gamba, effettua movimenti circolatori in senso orario per 10 volte, poi cambia gamba e ripeti 5 volte.

Esercizio con la matita: Aiutandoti con una matita o una penna, effettua questo esercizio efficace e semplicissimo. Poggia la matita a terra, e cerca di sollevarla con le dita del piede. Bisogna mantenerla sollevata per 10 secondi, poi riposare altri 10 e ripetere 5 volte.

Per fare questi 4 esercizi hai bisogno di circa 20 minuti: effettuali ogni 2 giorni per ottenere risultati incredibili.

 

FONTE

,

Maschera fai da te contro il rilassamento cutaneo

Molte persone, causa età o cattive abitudini, possono soffrire di rilassamento cutaneo. Questo fenomeno, che si concentra sopratutto su braccia, gambe ed addome, può essere davvero frustrante.

Prima di affidarti a prodotti e trattamenti costosi, prova ad applicare questa semplice maschera fai da te. La natura ci aiuta a raggiungere risultati straordinari.

maschera fai da te rilassamento cutaneoHai bisogno di: 1 tazza di argilla in polvere, 1/4 di tazza di tè nero, 1/4 di tazza di caffè puro (liquido), 1/8 di olio di mandorle.

Mescola tutti gli ingredienti fino ad ottenere la consistenza di una crema (puoi aggiungere altra argilla per ottenerla, se necessario).

Applica una quantità generosa sulla zona colpita da rilassamento cutaneo e fai agire per 20 minuti. Risciacquare con acqua fredda.
Non c’è una durata specifica per questo trattamento: applicalo fino a vedere i primi risultati.

 

FONTE

, , ,

Soggiorni estivi e punti blu per anziani 2016

Il Municipio Roma V, per la stagione estiva 2016, ha programmato iniziative diversificate a favore di tutti i cittadini residenti nel Municipio V, autosufficienti o parzialmente autosufficienti, che abbiano compiuto 60 anni di età per le donne e 65 anni per gli uomini. Nei mesi di Luglio ed Agosto potranno fruire di soggiorni diurni di vacanza volte a favorire la socializzazione offrendo loro momenti di incontro, di relax, svago e ricreazione.

 

Avviso

Domanda Soggiorni Marini e Collinari Extracittadini

Domanda Punti Blu