,

Viaggiare in treno

Trenitalia ha predisposto speciali servizi sui treni e nelle stazioni dedicati a persone con disabilità o modalità ridotta.
L’assistenza è rivolta alle persone che si muovono su sedia a rotelle per malattia o disabilità, alle persone anziane e in generale a chi presenta problemi agli arti e ha difficoltà di deambulazione. Anche i non vedenti e non udenti, e le persone che presentano un handicap mentale hanno diritto all’assistenza.

Il punto di riferimento in oltre 252 stazioni ferroviarie italiane sono le SALE BLU.
Accordandosi con la sala blu e presentandosi in stazione 30 minuti prima della partenza del treno si può ottenere:
– informazioni e prenotazione dei posti
– messa a disposizione di una sedia a rotelle
– guida in stazione e accompagnamento ai treni, anche ad altro treno coincidente
– salita e discesa con carrelli elevatori
– portabagagli a mano gratuito (1 collo)

Il servizio può essere richiesto chiamando direttamente da telefono fisso il call center Trenitalia al numero 06-3000 opzione 7.
Un numero unico nazionale 199 30 30 60 è disponibile per chiamate dai cellulari, con tariffe a pagamento secondo il proprio contratto mobile.

Il consiglio è informarsi e preallertare la richiesta dei servizi qualche giorno prima della partenza.

,

Viaggiare in aereo

Chi necessita di assistenza per effettuare un viaggio aereo, per problemi di salute o difficoltà di deambulazione, può richiedere i servizi previsti per i disabili da quasi tutte le compagnie aeree.
In generale, avvertendo la propria compagnia, si può usufruire di ausili in aeroporto come sedia a rotelle e accompagnamento con questa al proprio posto a sedere, e possono essere predisposti servizi di ossigenoterapia e il trasporto in barella.
La propria sedia a rotelle ha diritto al check-in gratuito come bagaglio registrato e chi vuole viaggiare con un cane guida ha diritto a tenerlo con sé gratuitamente in cabina o in apposita stiva.

Alcuni consigli utili per affrontare il viaggio in aereo:

  • chiedere al proprio medico curante se è il caso di affrontare il viaggio e farsi visitare
  • scegliere preferibilmente una destinazione “accessibile” per clima, assistenza medica, logistica
  • fare una scorta sufficiente dei medicinali per le proprie terapie e conservarli nelle scatole originali per evitare problemi alla dogana
  • fare eventualmente un’assicurazione per le spese mediche se si soggiorna in paesi che non prevedono l’assistenza medica gratuita
  • pianificare momenti di riposo durante le fasi di check-in e presentarsi per tempo onde evitare fretta e affollamento
  • avere sempre a portata di mano qualcosa per ripararsi dal freddo (o dal caldo) e da bere
,

Trasporto pubblico per persone non autosufficienti

Cosa è

Un servizio di trasporto a chiamata su bus del TRAMBUS, attrezzati con pedana per carrozzine. Viene fornito per motivi di studio, terapia, lavoro, attività sociali. In questo momento non si eroga il servizio per accompagnare gli invalidi ad attività sociali, per mancanza di fondi.

Si prevede di articolare il servizio fornendo una carta elettronica prepagata (mobility card) con cui chiamare un taxi privato per gli spostamenti.

 

A chi è rivolto

Ad invalidi con gravissime difficoltà motorie e non vedenti, residenti nel Comune di Roma, “assolutamente o gravemente impediti all’uso dei mezzi pubblici”, con un reddito inferiore ai € 23.678,84.

 

Come e dove fare la domanda

La domanda, sul modulo predisposto, va consegnata al Comune di Roma, Dipartimento V – servizio Handicap, Viale Manzoni, 16 – 00185 Roma, Tel. 06.67105387/06.67105393  allegando:

– certificato medico rilasciato dal Settore di Medicina legale della ASL di appartenenza;

– attestato di frequenza al Centro di Terapia, indicante sede, giorni ed orari di terapia;

– fotocopia dichiarazione dei redditi.

, ,

Trasporto gratuito dell’Associazione “Fra Albenzio”

Cosa è

Un servizio di trasporto gratuito e a pagamento effettuato dall’Associazione Volontari “Fra’ Albenzio” con un pulmino, di proprietà della Cooperativa Sociale “Fra’ Albenzio”, da nove posti (attrezzato ed omologato anche per il trasporto di due carrozzine per persone non deambulanti). Si accompagnano persone anziane, disabili e malati da casa agli ospedali, cliniche, studi medici e fisioterapici (e viceversa) e per qualsiasi altra necessità socio sanitaria.

 

A chi è rivolto

Ai residenti nel Municipio I.

 

Quanto si paga

La sua operatività viene garantita in maniera assolutamente gratuita (è lasciata ai beneficiati la facoltà di una offerta libera) grazie alla disponibilità degli autisti volontari e delle spese di gestione sostenute dalla Cooperativa “Fra’ Albenzio”.

 

Come si attiva

Telefonando all’Associazione Volontari ONLUS «Fra’ Albenzio», Via Sebastiano Ziani 19, 00136 Roma, Tel. 06.39670305 – Fax 06.39386929 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì ore 9.00/13.00 e 14.30/18.30, sabato ore 9.00/13.00.

,

Trasporto a pagamento Trambus

Cosa è

È un servizio di trasporto svolto da Trambus, destinato a tutte le persone con difficoltà motorie, che possono rivolgersi in modo privato ad esso.

 

Quanto si paga

Gli utenti che si rivolgono privatamente a questo servizio pagano una tariffa unica per ogni itinerario all’interno del Comune di Roma, di € 20,66 a corsa per il primo utente, più € 2,58 per ogni passeggero.

 

Come prenotare

È necessario il preavviso di almeno due ore alla centrale operativa, che in breve dà conferma della disponibilità. Telefonare alla Centrale operativa Trambus Tel. 06.70305248 – 06.70305111 dal lunedì al venerdì ore 6.30/18.00, sabato ore 6.30/12.30.

 

,

Servizio gratuito di trasporto per persone disabili “+ Bus”

“+Bus” è un servizio gratuito di trasporto a chiamata per persone disabili della Provincia di Roma, effettuato, per consentire la mobilità nel territorio della provincia delle persone che non possono utilizzare i mezzi di trasporto pubblici. Le vetture sono opportunamente attrezzate per accogliere le persone disabili, anche in carrozzina, e consentire loro di salire, viaggiare e scendere in modo agevole e sicuro, con la possibilità di aiuto da parte di personale di bordo.

 

Chi può accedere al servizio

Il servizio di trasporto istituito dalla Provincia di Roma è particolarmente rivolto a quanti abbiano una nulla o gravemente ridotta capacità di deambulazione, con riferimento specifico alla difficoltà di camminare e di orientarsi sul territorio.

 

Come e dove funziona il servizio

Il servizio a chiamata e prenotazione +Bus è attivo nell’ambito territoriale della Provincia di Roma, esclusivamente per andare in comuni diversi, compresi i trasferimenti da e per Roma. Non è possibile, quindi, utilizzarlo per muoversi all’interno di Roma.

Si svolge ordinariamente nei giorni feriali, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 22.00 ed il sabato dalle ore 15.00 alle ore 24.00.

 

Come richiedere il servizio

Per accedere al servizio “+Bus” è necessario accreditarsi, compilando un modulo, reperibile contattando il numero verde 800.97.97.96.

Il modulo va trasmesso via fax al numero 06.44292574, allegando la documentazione attestante l’invalidità e copia di un documento di riconoscimento.

Gli aventi diritto riceveranno a domicilio, per posta, una tessera (card) dotata di codice personale che dovrà essere mostrata ogni qual volta saliranno sulla vettura.

È necessario chiamare con anticipo per prenotare e informarsi sulla disponibilità dell’autobus attrezzato. È possibile prenotare fino ad un massimo di due servizi settimanali. Si può prenotare telefonando al numero verde, o inviando un fax o per e-mail.

 

Quanto si paga

Il servizio è gratuito per le persone autorizzate; anche all’eventuale accompagnatore della persona disabile è riconosciuta la gratuità del servizio di trasporto.

,

Servizio di accompagnamento per ciechi e ipovedenti

Cosa è

L’Unione Italiana Ciechi, in accordo con il Comune di Roma, organizza un servizio di volontariato per l’accompagnamento dei non vedenti e degli ipovedenti, con mezzi pubblici o con l’automobile.

È previsto un servizio di accompagnamento sia occasionale che fisso (un giorno stabilito della settimana per fare la spesa o recarsi a terapie…), all’interno del Comune di Roma.

 

Chi può chiederlo

Tutte le persone non vedenti o ipovedenti, con una grave perdita di vista, che possano certificare il loro stato, anche se non sono soci dell’Unione Italiana Ciechi.

 

Come fare richiesta

È possibile chiedere informazioni sul servizio al numero verde 800.701701 dal lunedì al sabato ore 9.30/12.30, martedì mercoledì e giovedì ore 15.00/18.30, o scrivere una e-mail a volontariato@uicroma.it.

È opportuno informarsi bene e registrarsi la prima volta che si utilizza il servizio.

Le richieste di accompagnamento vanno fatte almeno 48 ore prima, telefonando ai numeri: 06.490595 – 06.4441678. Telefonando agli stessi numeri è possibile dare la propria disponibilità come accompagnatori.

 

Quanto costa

Gli accompagnamenti effettuati con mezzi pubblici sono gratuiti, quelli in automobile, per chi non usufruisce di buoni taxi o trasporti del Comune, prevedono un contributo da parte dell’anziano di:

€ 4,00 per spostamenti fino a 40 km.;

€ 10,00 tra i 41 ed i 70 km.;

€ 15,00 tra i 71 ed i 100 km.;

€ 16,00 oltre i 100 km. e comunque all’interno del territorio della Provincia di Roma.

,

Pullman Gran Turismo per disabili

È stato realizzato da Trambus, di concerto con il Comune di Roma, il primo pullman gran turismo per disabili, 26 posti più spazio per 6 carrozzine, poltrone ergonomiche, bagno per disabili, percorsi per non vedenti ed altri servizi. Informazioni al numero verde 800.281 281.

 

Come prenotarlo

Telefonando almeno 10 giorni prima a TRAMBUS SPA Tel. 06.46951 Fax 06.46954695/710. Nella richiesta va specificato il punto di partenza e di arrivo, il percorso, la data e l’orario, il numero di passeggeri. Dopo 2 giorni verranno comunicati costi e disponibilità.

,

Linee Metrebus accessibili

METROPOLITANA LINEA A:

Battistini-Anagnina

Accessibili solo le stazioni Battistini, Cornelia, Baldo degli Ubaldi, Valle Aurelia, Cipro, Re di Roma, Ponte Lungo, Furio Camillo, Subaugusta.

 

METRO LINEA B:

Rebibbia-Termini-Laurentina

Stazioni dotate di ascensori, Wc attrezzati, posti riservati nei parcheggi (ad esclusione delle stazioni Circo Massimo, Colosseo, Cavour).

 

AUTOBUS LINEA 590:

Frequenza: 90 minuti

Servizio di minibus attrezzato che compie il percorso della Metropolitana Linea A Ottaviano-Anagnina (che è inaccessibile).

 

Per informazioni sulle linee autobus accessibili

  • numero verde: 800.431784 da lunedì a sabato ore 8.00/20.00.
  • numero verde diversamente abili: 800.154451 da lunedì a venerdì ore 9.00/17.00.
,

Contrassegno speciale di circolazione per invalidi

Che cosa è

Il contrassegno speciale di circolazione è un tagliando di forma quadrata arancione, con il simbolo

contrassegno invalidi

 

A cosa serve

Consente alle persone diversamente abili di sostare liberamente negli spazi a loro riservati e nelle strisce blu, di accedere alla zona a traffico limitato (ZTL), di circolare nelle corsie preferenziali riservate a mezzi pubblici collettivi e taxi (eccetto quelle a rotaie).

 

Chi può richiederlo

Cittadini diversamente abili che hanno elevata difficoltà alla deambulazione e ai non vedenti.

I contrassegni possono essere rilasciati anche a persone con invalidità temporanea (l’autorizzazione sarà rilasciata a tempo determinato).

Le pratiche possono essere fatte non solo dall’interessato, ma anche da una persona incaricata, purchè munita di una delega in carta semplice e della fotocopia del documento del delegante.

 

Dove si richiede

Richiedere il contrassegno speciale per la circolazione è diventato ancora più semplice e rapido grazie ad un progetto realizzato dai Dipartimenti VII e XVII del Comune di Roma, dall’Atac S.p.a e dalle ASL per snellirne le procedure per il rilascio. È stato così realizzato un

modulo unico che si può presentare direttamente al medico legale della ASL di appartenenza, al momento del rilascio del certificato medico. Sarà l’Atac, ad acquisire le domande dalla Medicina Legale delle ASL e a spedire a domicilio (entro 23 giorni) il contrassegno.

Chi desidera o ha necessità di ottenere il contrassegno in tempo reale può comunque rivolgersi allo Sportello al Pubblico Atac (Via Ostiense, 131/L scala C primo piano). Presentando, invece, la richiesta presso il Municipio di residenza (ad eccezione dei cittadini residenti nei Municipi XVI e XVII che possono richiederlo esclusivamente ad Atac) sarà possibile avere un permesso provvisorio.

Per qualunque informazione (dettagli sulla delega o sui documenti necessari per il rinnovo ed il duplicato, ecc…) è possibile chiamare il Numero verde 800.1544510 dal lunedì al venerdì ore 9.00/17.00.

 

Cosa presentare

Se il certificato medico legale ha una validità inferiore a 5 anni è necessario compilare:

  • Il modello di domanda (allegare una marca da bollo da € 14,62);
  • un certificato medico rilasciato dalla ASL/Settore Medico Legale della propria zona di residenza, nel quale il medico deve anche dichiarare testualmente: “A tale minorazione fisica consegue una capacità di deambulazione sensibilmente ridotta. Si rilascia il presente certificato a domanda dell’interessato ai fini della concessione del contrassegno speciale

di cui all’art. 381 del D.P.R. 610/96 e dell’art. 12 del D.P.R. 503/96”;

  • La ricevuta di pagamento dei diritti d’istruttoria di € 5.16 e dell’imposta di bollo di € 14,62 per un totale di € 19,78 da effettuare, in caso di richiesta al proprio Municipio presso l’Ufficio Cassa (in questo caso l’operazione di pagamento potrà essere fatta dopo aver fatto visionare la domanda all’Ufficio, il quale rilascerà l’apposita reversale per effettuare il

pagamento), oppure, in caso di richiesta all’Atac, allo Sportello al pubblico, o in un qualsiasi Ufficio Postale tramite un versamento sul conto corrente postale n° 53253001 intestato a Comune di Roma – Dipartimento VII – Diritti di istruttoria – Varie – Via Capitan Bavastro, 94 – 00154 Roma.

Se il certificato medico legale ha una validità superiore a cinque anni non sarà necessario allegare alla domanda la marca da bollo da € 14,62 e pagare l’imposta di bollo di € 14,62.

In caso di presentazione della domanda da parte di una persona diversa dal richiedente è necessaria una delega in carta semplice ed una copia del documento di identità del richiedente.

 

Per accedere liberamente a tutti i varchi elettronici della ZTL, qualora si sia in possesso del contrassegno speciale di circolazione per invalidi, è necessario comunicare alla STA o al proprio Municipio i numeri di targa degli autoveicoli autorizzati, fino ad un massimo di 3 targhe.

I disabili possono tuttavia richiedere l’Unità di Bordo (il dispositivo elettronico da applicare all’automobile), fermo restando che non è indispensabile.

Il modulo per comunicare i numeri di targa è disponibile presso tutti i Municipi e negli uffici della STA (Via Ostiense 131/L scala C, primo piano dal lun. al ven. ore 9.00/17.00 ) e, una volta compilato, può essere riconsegnato direttamente al proprio Municipio o allo sportello della STA, oppure essere inviato per posta al suddetto indirizzo o via fax ai numeri 06.57118259 – 06.57118537.