, ,

7 alimenti probiotici per proteggere l’intestino

Nell’intestino vive un insieme di batteri, la maggior parte dei quali assolutamente non dannosi per la nostra salute ed indispensabili per una corretta digestione degli alimenti. Tuttavia, alcuni fra questi batteri sono agenti patogeni che causano tossicità.

I batteri benigni evitano che quelli patogeni prosperino e si sviluppino. Uno squilibrio fra questi batteri, causato da cattiva alimentazione, stress o alcuni medicinali, può favorire la comparsa di malattie digestive, allergie ad alimenti, problemi della pelle o addirittura sbalzi di umore.

Consumare alimenti probiotici è un modo semplice e sicuro per introdurre batteri benigni nel sistema digestivo, i quali si moltiplicheranno nel tratto gastrointestinale e aiuteranno a mantenere il sistema digestivo in salute.

  1. Kombucha: si tratta di un tè addolcito e fermentato che contiene vitamine, acidi, enzimi e probiotici essenziali per la nostra salute. Migliora la digestione, rinforza il sistema immunitario e ci dà energia.
  2. Kimchi: un piatto di origine coreana a base di verdure fermentate con spezie. Possiede proprietà simili a quelle del kombucha.
  3. Miso: una condimento fermentato derivato da soia e cereali. Questo alimento giapponese è uno dei migliori per regolare il sistema digestivo e ridurre le malattie cardiache.
  4. Yogurt: forse l’alimento probiotico più conosciuto. Ricorda che non tuttu gli yogurt sono uguali: scegline uno che sia 100% naturale e senza zuccheri aggiunti.
  5. Kefir: una bevanda che deriva dal latte fermentato, contiene grandi sostanze nutritive come probiotici, vitamina B12, calcio, acido folico e magnesio.
  6. Tempeh: originario dall’Indonesia, questo alimento deriva dalla fermentazione della soia. Diffuso fra i vegetariani, è un ottimo sostituto della carne per via dell’alto contenuto di proteine, minerali, vitamine e probiotici.
  7. Lievito naturale: molto benefico per via della grande quantità di batteri benigni vivi nel processo di fermentazione.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *