, ,

5 rimedi contro le cisti gangliari

5 rimedi contro le cisti gangliari

Le cisti gangliari sono formazioni di “sacchetti” pieni di un liquido denso e viscoso, che si formano su un’articolazione o su un tendine.

Generalmente, queste cisti non cancerose si formano al polso, anche se possono comparire sulle dita, sulle caviglie o sulle piante dei piedi.

cisti gangliareI sintomi comuni sono dolore, formicolio o intorpidimento, in quanto la cisti esercita una pressione sui nervi che passano attraverso l’articolazione.

Di seguito ti proponiamo 5 rimedi contro le cisti gangliari.

  1. Tè nero: contiene proprietà acide che aiutano a trattare le cisti gangliari. Inoltre, è un ottimo rimedio antinfiammatorio che può calmare il dolore. Prepara un tè nero, poi poggia la bustina di tè umida e tiepida sulla cisti per 10 minuti. Ripeti varie volte al giorno, per più giorni.
  2. Olio di incenso: ha proprietà astringenti che aiutano a ridurre le dimensioni della cisti, oltre che alleviarne il dolore.
    Applica 2 gocce di olio di inceso sulla cisti, e copri con una benda. Ripeti ogni giorno per un paio di settimane.
  3. Aloe vera: possiede proprietà antinfiammatorie che aiutano a curare le cisti gangliari, riducendone gonfiore e dolore.
    Estrai il gel da una foglia di aloe vera ed applicalo direttamente sulla cisti. Fai agire per 20 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida. Ripetere 2 volte al giorno.
  4. Olio di arnica: riduce il dolore e l’infiammazione, promuovendo la circolazione del sangue. Diluisci olio essenziale di arnica in una quantità uguale di olio d’oliva. Applica sulla cisti, effettuando un massaggio, poi benda. Ripeti 2 o 3 volte al giorno per almeno una settimana.
  5. Sali di Epsom: allevia dolore e gonfiore causati dalle cisti gangliari. Mescola 1 cucchiaio di sale di Epsom con 1 tazza di acqua tiepida e, aiutandoti con un batuffolo cotone, applica sulla cisti per 20-30 minuti. Ripeti una volta al giorno per almeno una settimana.

 

FONTE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *